La catena del freddo nella conservazione degli alimenti

Tutti noi, nella nostra vita quotidiana, siamo più che abituati a usare il freddo prodotto sia dal frigorifero che dal congelatore per conservare tutti i tipi di cibo, poiché il freddo assicura che questi (la stragrande maggioranza) siano adeguatamente conservati.

La corretta gestione del cibo che consumeremo in seguito è necessaria per mantenere la famosa catena del freddo in modo che il cibo non si rovini.

Per questo, il ghiaccio è un elemento fondamentale per poter controllare lo stato del cibo.

La catena del freddo, necessaria per la conservazione degli alimenti

Il freddo aiuta i microrganismi patogeni a rallentare il loro processo o addirittura a fermarsi, quindi il cibo può durare più a lungo in buone condizioni.

Coprire o mantenere una base di ghiaccio nei cibi freschi è il modo migliore per mantenere la catena del freddo e prevenirne il deterioramento.

Nel caso in cui vengono messi nel congelatore e / o nel frigorifero, è importante tenere presente che questi cibi non possono essere introdotti caldi, poiché il calore emesso dal cibo, insieme al freddo nel frigorifero, può danneggiare il cibo lo stesso.

Questo è un modo molto comune in cui la catena del freddo viene spezzata.

Non è inoltre corretto avere un piatto a riposo per più di due ore e poi raffreddarlo o congelarlo, poiché il cibo si deteriora nel tempo.

Ognuna di queste due pratiche aumenta la probabilità che si contraggano malattie, quindi non è consigliabile mangiare il cibo in questo modo, poiché la catena del freddo non è adeguatamente mantenuta per la conservazione degli alimenti.

La catena del freddo nella conservazione degli alimenti

Controllo della temperatura per la conservazione degli alimenti

A seconda di quando un alimento deve essere consumato, la catena del freddo deve essere una o un’altra.

Se dopo aver cucinato un prodotto che vogliamo conservare, il suo consumo sarà inferiore a due giorni (a seconda del prodotto), è consigliabile lasciarlo in frigorifero, a una temperatura media compresa tra 1 e 8 gradi Celsius.

Se questi alimenti verranno consumati dopo la data sopra menzionata, la migliore pratica che puoi fare sarà conservarli in un contenitore e metterli in un congelatore, poiché ciò blocca i microrganismi, che si attivano e ricominciano a crescere una volta scongelati. La temperatura del congelatore consigliata per una catena del freddo ottimale dovrebbe essere inferiore a -18 gradi Celsius.

Tabella di conservazione degli alimenti

Cosa succede quando si rompe la catena del freddo?

Rompere la catena del freddo non è facile, ma a volte può verificarsi, soprattutto in caso di errori o a causa di guasti ai macchinari.

Ci sono segni che indicano che il prodotto in questione potrebbe aver rotto la catena del freddo, quindi è consigliabile non consumarli se rileviamo uno di questi:

Formazione di brina negli alimenti o nei contenitori che lo contengono. Se sia il prodotto che la confezione sono stati ben congelati, dovrebbero essere privi di acqua, quindi quando congelati e scongelati non dovrebbero esserci indicazioni di gelo.

Stato del contenitore. Se questo è ammaccato, sporco o ha qualche modifica rispetto all’originale, dovremmo stare attenti e persino diffidare dal consumare il prodotto.

Suggerimenti per i professionisti della catena del freddo

– Al momento dell’acquisto o della sostituzione di apparecchiature o componenti, è necessario valutare le tecnologie più efficienti e a basso CPA.

– Assicurarsi che il funzionamento e l’assistenza dell’apparecchiatura siano eseguiti da professionisti e che entrambe le azioni siano registrate.

– Monitorare le temperature di stoccaggio, trasporto e vendita al dettaglio delle apparecchiature.

Dati di interesse relativi alla catena del freddo e alla conservazione degli alimenti

– Più di 800 milioni di persone sono malnutrite in tutto il mondo.

– Il 50% di tutti gli alimenti dovrebbe essere mantenuto freddo, ma solo il 25% lo è, portando alla perdita della restante metà.

– Eliminando queste perdite di cibo e rifiuti, si potrebbero nutrire fino a 950 milioni di persone in tutto il mondo.